Vivere in questa epoca moderna con la tecnologia a portata di mano ha cambiato molto l’approccio al mondo per la maggior parte di noi. In particolare, i droni ci hanno permesso di esplorare la fotografia aerea e catturare immagini che normalmente non avremmo potuto immortalare prima.

Vasti paesaggi, panorami e terreni che potrebbero essere stati troppo pericolosi da considerare sono ora facilmente visibili dal punto di vista aereo.

La meravigliosa catena montuosa dell’Himalaya con un’abbondante biodiversità, è uno dei luoghi più incredibilmente belli e magici della terra.

Questa catena montuosa ha registrato il 3 ° deposito di ghiaccio e neve più grande al mondo con circa 15000 ghiacciai, sia grandi che piccoli. Naturalmente ce ne sono molti altri che non sono stati ancora scoperti, il che non sorprende in quanto il raggio di quest’area copre circa 2400 km di terra e acqua.

È con relativa facilità che i droni possono raggiungere questi luoghi impossibili o estremamente difficili da esplorare.

Informazioni importanti riguardanti lo scioglimento dei ghiacciai e la loro comprensione, oltre alla velocità di raccolta di tali informazioni e di acquisizione di immagini ad alta risoluzione, sono aiuti insuperabili per aiutare a salvaguardare questi luoghi.

David Kaszlikwoski

David Kaszlikwoski, un premiato fotografo polacco noto per il suo lavoro in particolare con progetti di montagna, subacquea e aerea, era alla ricerca di un luogo perfetto per girare il suo documentario; K2 Toccando il cielo.

Il K2 è la seconda vetta più alta del mondo e ha avuto una sorpresa in serbo per David quando ha installato il suo drone per fare un volo sopra catena montuosa dell’Himalaya.

Dove due ghiacciai, Baltoro e Godwin-Austen si incontrano nella vicina Concordia ai piedi della montagna, David ha trovato un nuovo meraviglioso ghiacciaio circondato da una piscina d’acqua di 65 piedi.

Kaszlikowski ha spiegato:

“Il posto era speciale, creando una cornice grafica molto pulita. Stava scomparendo, sciogliendosi, cambiando forma ogni giorno. Era abbastanza ovvio che nessuno lo fotograferà di nuovo come me; nessuno la vedrà allo stesso modo nella prossima stagione. ” 

Kaszlikowski e la sua guida hanno deciso di fare un’escursione in questa località di notte per catturare la bellezza di questo ghiacciaio che si scioglie.

David Kaszlikwoski

L’attrezzatura utilizzata era una Canon 5D Mark III su un treppiede, con un’esposizione di 30 secondi. Lasciando l’otturatore aperto, è stato anche utilizzato un LED per far luce sul ghiacciaio per produrre luminosità.

Era davvero un’opera d’arte raffigurata, qualcosa di piuttosto onirico con il ghiacciaio illuminato e i contorni più scuri della catena montuosa sullo sfondo.

Loading...

David ha sottolineato l’importanza che i fotografi debbano concentrarsi su quale sia il loro stile e ascoltare costantemente la loro intuizione per riflettere nel loro lavoro:

 “Oggi, con il digitale e l’accesso a vari strumenti avanzati, è molto più facile ottenere risultati decenti. Ma una cosa non cambia mai: devi seguire la tua visione. ” 

Post Correlati

Segui Antro della Magia
0 0 vote
Article Rating
Loading...

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments