La pandemia e il Codiv-19 ha fatto riaffiorare antiche credenze nelle magiche terre d’Irlanda.

La pandemia di coronavirus ha portato molte persone a cercare conforto in vari modi. Alcuni sono tornati ai costumi e alle credenze tradizionali. In Irlanda molte persone stanno facendo un pellegrinaggio ai pozzi sacri poiché si ritiene che l’acqua proveniente da questi abbia proprietà curative. Un certo numero di pozzi dedicati a San Fíonnán (San Finiano) hanno visto un’impennata dei pellegrini nelle ultime settimane. Si ritiene che questo santo cristiano protegga le persone dalla peste, dalla malattia e dalla sventura.

Ci sono molti pozzi o sorgenti che si ritiene siano sacri in Irlanda e un recente progetto ha mappato circa 1300 di questi siti in tutta l’isola. Questi pozzi sono spesso associati ai santi cristiani e la gente li ha resi mete di pellegrinaggio per oltre un millennio. I pellegrini bevono le loro acque a causa dei loro presunti poteri curativi e spesso eseguono rituali, che si ritiene aiutino a ricevere la protezione o il favore di un santo.

Seomra Ranga afferma che “in alcuni pozzi era consuetudine bagnare una parte del corpo malata con un pezzo di stoffa”. Molte persone prendono ancora l’acqua dal pozzo o dalla sorgente e la tengono in una bottiglia e la bevono quando si sentono male o la portano a chi è in ospedale.

Pozzi sacri ispirati alle origini pagane

Molti di questi pozzi e dei rituali ad essi associati risalgono al periodo precristiano. Secondo il sito web della cultura e delle dogane irlandesi “elementi di religione celtica precristiana persistono nella configurazione dei siti dei pozzi sacri e nelle pratiche che sono state praticate per generazioni”. Questi corpi d’acqua erano visti come porte verso l’Altromondo celtico. Sembra che i cristiani abbiano preso il controllo di questi siti pagani e spesso abbiano costruito chiese nelle loro vicinanze.

L’usanza di fare pellegrinaggi nei pozzi sacri è diminuita in popolarità negli ultimi anni. Tuttavia, molte persone durante la crisi del coronavirus stanno visitando una serie di pozzi sacri nella pittoresca penisola di Iveragh, Co Kerry, sulla costa occidentale dell’Irlanda. Sono dedicati al San Fíonnán del VI secolo e secondo RTE “si dice che abbia salvato il suo popolo da una piaga devastante offrendo loro un santuario”.

Protezione dalla peste

I pozzi sono stati visitati da coloro che cercavano la protezione del santo. Uno storico locale Paddy Bushe è citato da RTE affermando che “San Fíonnán aveva la reputazione di essere una figura di protezione, un protettore del suo popolo da sovrani crudeli, da condizioni meteorologiche che avrebbero distrutto i raccolti e, in modo significativo, dalla peste”. Secondo il folklore locale e una poesia gaelica del 17 ° secolo , gli fu attribuito il merito di aver salvato la gente nella zona da una terribile pestilenza.

Esistono numerosi pozzi dedicati a San Fíonnán nella Contea di Kerry, ma il più famoso è quello situato sulla punta occidentale della penisola di Iveragh. Si affaccia sulla famosa Skellig Michael Island , che è un patrimonio mondiale dell’UNESCO. Molti abitanti del posto sostengono che San Fíonnán fondò il monastero ora abbandonato sull’isola. Inoltre, Skellig Michael è apparso in due recenti film di Star Wars.

Skellig Michael Island

Acque curative che forniscono conforto

Per generazioni la popolazione locale ha cercato cure al pozzo. Un residente locale, Mícheal Ó Braonáin la cui famiglia ha vissuto nella zona per generazioni ha detto a RTE che “si ritiene che ci sia una cura per la malattia nell’acqua qui, non solo nel pozzo stesso, ma anche nell’acqua di mare sottostante “. Molte persone stanno visitando il pozzo, mentre cercano conforto durante la pandemia e il blocco del coronavirus.

Il pozzo e il pellegrinaggio stanno chiaramente aiutando le persone in questi tempi più difficili. Il locale Carl O’Connell disse a RTE che “si credeva fermamente che San Fíonnán costituisse questi santuari come un paradiso per le persone per salvarli dalla peste”. La maggior parte delle persone che visitano i pozzi in questi giorni cercano conforto spirituale.

La coincidenza aggiunge più fuoco

Non esiste una base scientifica per credere che le acque di questi siti sacri possano curare le persone. Tuttavia, molti credenti notano una curiosa coincidenza . O’Connell ha dichiarato a RTE che “le prime restrizioni COVID-19 annunciate dal governo sono state imposte la settimana che precede il 16 marzo, la festa di San Fíonnán”. Alcuni credono che questo sia in qualche modo significativo e mostra che il santo li sta ancora proteggendo dal coronavirus. Il recente aumento dell’interesse per questi pozzi può aiutare i gruppi del patrimonio a mappare i siti rimanenti e aiutare nella loro conservazione.

Post Correlati

Segui Antro della Magia
0 0 vote
Article Rating
Loading...

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments