Deciso l’internamento per un 19.enne affetto da schizofrenia – La donna è stata prima presa a calci e poi accoltellata e lasciata morire dissanguata

Non prigione ma terapia stazionaria: è la pena decisa oggi dal Tribunale penale di Svitto per un 19.enne affetto da schizofrenia che nell’ottobre del 2018 a Brunnen ha accoltellato a morte e poi bruciato la madre, di 56 anni, credendo che fosse una strega. La corte ha così seguito le richieste del pubblico ministero e della difesa, che si sono espressi a favore dell’incapacità e scemata imputabilità.

L’accusato, in clinica già da aprile, ha detto in aula che sarebbe disposto a iniziare una terapia ambulatoriale. Risponde bene ai farmaci e intende prenderli per il resto della sua vita.

La giudice ha ammesso che il giovane è sulla buona via, ma che il trattamento è tutt’altro che finito. Quindi, per il momento, un ambiente chiuso, come richiesto dalla procura, è l’unica soluzione. A seconda del corso della terapia, spetterà poi alle autorità di esecuzione delle pene decidere in merito.

Il fatto di sangue è successo quando la madre era tornata a casa per il pranzo. Il giovane ha preso un coltello e l’ha inseguita. Una vola raggiunta, l’ha presa a calci in testa dieci volte e l’ha pugnalata almeno quattro volte. Poi l’ha lasciata morire dissanguata in cucina. In seguito ha bruciato il corpo nel camino di un capanno in giardino.

La polizia, chiamata poiché la donna non si presentava più al lavoro, ha trovato il giovane sul luogo del delitto. Ha detto che sua madre era scomparsa. Quando gli agenti hanno scoperto un focolare nel casotto in giardino e i contorni di una persona nel camino, il ragazzo si è dato alla fuga, ma è stato catturato poco dopo.

Durante gli interrogatori, ha detto di aver capito quattro giorni prima di agire che sua madre era una strega. Ha sentito un suono di migliaia di pezzi di vetro infranti senza che nulla si fosse rotto e lo ha interpretato come un «cattivo presagio per tutta la popolazione». Non ha pianificato l’azione, ma ha lasciato che accadesse. «Si è arresa e io l’ho liberata».

Prima del crimine, il giovane aveva iniziato un apprendistato come polimeccanico, ma poi ha perso il posto. Secondo alcuni testimoni, la sua malattia è comparsa pochi mesi prima dell’omicidio dopo un incidente in bicicletta in cui si è ferito alla testa. Da allora era diventato imprevedibile e aveva già usato violenza nei confronti della madre.

Fonte

Post Correlati

Segui Antro della Magia
error
Loading...

Lascia una recensione

Rispondi

  Subscribe  
Notificami