Alla vigilia dell’evento di Witchfest, i radicali affermano di credere che la magia e l’occulto siano estensioni naturali del femminismo e dell’eco-attivismo

Il quartiere di Croydon, nel sud di Londra , spesso considerato il sobborgo meno amato della capitale, è il luogo di nascita di Dubstep e della moderna rete tranviaria di Londra. Ma l’area ora rivendica un nuovo titolo: la capitale delle streghe del Regno Unito.

Sabato, circa 4.000 pagani e streghe scenderanno su Croydon per approfondire il tema dell’occulto. Mentre molti sono semplicemente attratti dall’estetica dell’essere una strega, ci sono un numero crescente di radicali nel paese che credono che la stregoneria e la magia siano estensioni naturali del loro attivismo femminista e ambientale.

Locandina Witchfest

La stregoneria è molto più della lettura dei tarocchi, dei balli sotto la luna e delle previsioni del futuro.

Witchfest, organizzato da Children of Artemis , un’organizzazione associativa aperta a streghe e pagani, includerà seminari su come trovare la nuova congrega della foresta, la magia della luna e le bacchette. Gli organizzatori affermano che è il più grande festival di stregoneria del mondo.

L’evento arriva quando le streghe emergono dagli armadi delle scope in tutto il Regno Unito per conquistare l’immaginazione popolare. Oltre al riavvio di programmi TV cult come Sabrina, Teenage Witch (rifatto come Chilling Adventures of Sabrina per Netflix) e Charmed, ci sono streghe che fanno podcast e condividono suggerimenti sotto l’hashtag #witchesofinstagram, che vanta oltre 3 milioni di post . E così tanti libri sono stati scritti che Publishers Weekly ha dichiarato una ” stagione della strega “.

Witchfest

Gli attivisti hanno marciato con cartelli che invitano le persone ad “aggirare il patriarcato”; esiste un sottogruppo di Extinction Rebellion per druidi, streghe e pagani; e vengono offerte lezioni di autodifesa per aiutare le streghe a proteggere le loro menti, i loro corpi e le loro anime.

Ayesha Tan-Jones, 26 anni, che ha cofondato Shadow Sistxrs Fight Club come classe di autodifesa per streghe femminili, non binarie e strane, ha detto che c’è qualcosa di intrinsecamente politico nel descriverti come una strega.

“Si tratta di prendere il controllo del tuo potere e prendere il controllo del possesso del tuo destino e della tua magia. Viviamo in una società che ci bombarda costantemente con pensieri che non siamo abbastanza bravi o che abbiamo bisogno di una cosa materiale.

“In un certo senso, abbiamo perso la nostra magia e questo nuovo risveglio riguarda il risveglio del nostro potere. Ed è un momento urgente per svegliarsi. “

Christina Oakley Harrington, proprietaria di Treadwell’s, una libreria di Londra specializzata nell’occulto, ha dichiarato: “Le persone che si interessano alla stregoneria non sono più le persone insicure e ansiose, il loro desiderio di imparare la magia è ormai legato al sentimento che il mondo ha bisogno di un cambiamento disperato “.

Per questi attivisti, l’identità della strega è “Emblema Protettivo” che dà loro il potere e la forza di prendere una posizione, ha aggiunto Harrington.

Merlyn Hern, portavoce di Children of Artemis, ha affermato che le persone sono state attratte dalla Wicca e dalla stregoneria perché è più personale di ciò che viene offerto dalla religione tradizionale.

“Riguarda più l’individuo e la propria parte spirituale, che è molto concreta e ha un vero senso di crescita e di riscoperta, piuttosto che una semplice preghiera. Preghi un’autorità superiore per far accadere qualcosa, mentre un incantesimo è totalmente personale e dipende dall’individuo che lo attua, sei tu stesso a muovere il cambiamento. “

Loading...

Grace Gottardello, che si definisce una “strega della comunità”, ha detto per le persone di colore, la stregoneria riguardava tanto il ricollegamento con le loro radici ancestrali e la costruzione di una comunità quanto il recupero del potere.

Gottardello, che si è trasferita nel Regno Unito a 18 anni, paragona la sua infanzia nel nord Italia un po ‘come Sabrina, la strega adolescente. Ha imparato l’erboristeria, le cerimonie della luna nuova e la lettura dei tarocchi dalle sue zie.

Ma a parte questi rituali familiari, Gottardello descrive crescere nel suo villaggio come una donna di colore come un’esperienza in gran parte isolante e dolorosa. La città era incredibilmente razzista, disse, e la parola strega non fu mai pronunciata a voce alta.

Fu solo quando visse nel Regno Unito che fu in grado di costruire una comunità e riconnettersi con se stessa. “Stavo recuperando la mia identità, recuperando la mia connessione con la tradizione di mia madre e distaccandomi dalla mia oscurità.

Post Correlati

Segui Antro della Magia
error
Loading...

Lascia una recensione

Rispondi

  Subscribe  
Notificami