Esattamente come i talebani, anche il senatore leghista Sinone Pillon sostiene che le opere d’arte debbano essere distrutte se da lui ritenute «pagane». Incitando a delinquere promettendo inviti in senato ai malavitosi, il fondamentalista elogia i ladri che hanno trafugato la statuetta della Pacha Mama costituita nella chiesa di Santa Maria di Traspontina in occasione del sinodo sull’Amazzonia. Simbolo della fecondità della Terra, è stata rubata e gettata nel Tevere da alcuni criminali legati al fondamentalismo religioso. Con un post su Facebook che ha del grottesco, scrive:

Il senatore leghista Pillon sostiene dunque che quei delinquenti siano «eroi» a cui lui darebbe il titolo di «dottori della chiesa». Inveisce contro i giornali che hanno riportato i commenti di sdegno dei vescovi, dicendo che li si debba ritenere «la solita stampa catto-pagano-progressista». Lui invece, finanziato con milioni di euro dai russi per promuovere la sottomissione delle donne, l’imposizione di un “cristianesimo” di stampo leghista e la persecuzione delle minoranze, apprezza chi distrugge antiche opere d’arte dicendo che il suo “cristianesimo” debba essere imposto con la forza.

Oltre alla pericolosità di un fanatismo che sfocia nella criminalità, surreale è che a inneggiare ai crimini contro il “paganesimo” sia un uomo che idolatra il suo capo. Parlando di Salvini come di un dio pagano, il senatore non esita ad offrire falsa testimonianza con la pubblicazione di immagini decontestualizzate che lui spaccia per “prova” della presunta supremazia dell’assenteista che campa sul razzismo:

Individui come questo a mio avviso dovrebbero stare molto lontani da posizioni di potere, sono persone altamente pericolose e che rischiano di riportare l’Italia vicina ai periodi bui di quando la supremazia ariana regnava su mezza europa. Persone come lui che si professano “Cristiani” ma che con le loro azioni e parole travisano totalmente il messaggio d’amore che Gesù ha lasciato, sono persone come queste che rendono le religioni pericolose.

Noi di ADM Magazine siamo veramente indignati e inorriditi per questa vicenda che ha del surreale e che fa scorrere brividi freddi lungo la schiena. E stiamo valutando azioni tramite enti appositi per contrastare questa apologia dell’odio.

Crediti: www.gayburg.com

Post Correlati

Segui Antro della Magia
error
Loading...

1
Lascia una recensione

Rispondi

  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Genesio Nardoni
Ospite
Genesio Nardoni

Un caprone ignorante ,come quelli che li votano