“I luoghi dove la gente dice di aver visto i fantasmi si trovano in gran parte nelle aree completamente spazzate via dallo tsunami”, ha detto Keizo Hara, psichiatra di Ishinomaki nel corso di una recente intervista. “Pensiamo che fenomeni come gli avvistamenti di fantasmi siano una proiezione mentale del terrore e delle preoccupazioni associate a quei posti”

Hara F.
Almeno sette tassisti di Ishinomaki, nel nord est del Giappone, hanno riportato esperienze personali in merito a clienti fantasma. La zona in questione fu devastata dallo tsunami del 2011. In quasi la totalità dei casi i passeggeri salgono a bordo, pronunciano la destinazione e svaniscono durante il viaggio o all’arrivo a destinazione.

Uno dei tassisti racconta: “Una sera ho preso una signora con un soprabito che mi ha detto di voler andare nel distretto di Minamihama. Ho fatto subito notare che la zona era ed è molto isolata e vuota e quindi ho chiesto se volesse andarci davvero. In risposta la signora ha pronunciato “Sono morta?” e quando mi sono voltato verso i sedili posteriori, la donna non c’era più.

Molte decine di questi resoconti sono stati raccolti da un ragazzo, Yuka Kudo, che ha deciso di farne la sua tesi di laurea in sociologia, concentrandosi su resoconti inspiegabili verificatisi in quella zona successivamente all’enorme catastrofe del 2011.

“Abbiamo trasportato fantasmi“, questo raccontano alcuni autisti, che spiegano di essersi ritrovati misteriosamente soli, dopo aver caricato persone sulle loro auto, dirigendosi nei luoghi da queste indicati. Il sito Asahi.com ha raccolto la testimonianza di un tassista di Ishinomaki, che dice di aver trasportato una donna diretta nel distretto di Minamihama, salvo poi ritrovarsi da solo perché lei sarebbe sparita nel nulla.

Prima di partire l’autista le ha fatto notare che si stavano dirigendo verso un quartiere ormai disabitato. “Va bene?”, ha chiesto l’uomo e lei avrebbe risposto con voce tremante: “Sono morta?”. Quando poi lui si è girato per guardarla, di lei non ci sarebbe stata più traccia. Un altro tassista racconta di aver trasportato un giovane uomo, misteriosamente sparito una volta giunti a destinazione. “Non è un fatto strano vedere fantasmi qui, se dovessi incontrarne uno, io lo accetterei come mio passeggero”, afferma un altro taxi driver.

Come spiegare questi presunti fenomeni paranormali? I medici hanno pochi dubbi: si tratta di disturbi post-traumatici da stress (DPTS). L’insieme delle forti sofferenze psicologiche seguite allo tsunami, evento violento e traumatico, porta chi l’ha vissuto a credere di vedere ciò che nella realtà non esiste.

Si tratta di un disturbo noto anche come “nevrosi da guerra”, proprio perché inizialmente riscontrato in soldati coinvolti in pesanti combattimenti o situazioni belliche particolarmente drammatiche.

 

Post Correlati

Segui Antro della Magia
Loading...

Lascia una recensione

Rispondi

  Subscribe  
Notificami